L’Argentina a un passo dall’approvazione

del più grande genocidio universale

Approvazione parziale per l’aborto

 

A cura di Juan Carlos Monedero (h)

 

               11 dicembre 2020: Questa mattina, con 131 voti favorevoli e 117 contrari, i deputati hanno approvato il progetto di legge sull’aborto in Argentina. Questa è la mezza sanzione di un progetto che potrebbe essere approvato in Senatori, provabilmente il 28 dicembre, proprio il giorno dei Santi Innocenti.

 

               Molte sono le riflessioni e i commenti al riguardo:

 

  1. È stata approvata una legge di aborto gratuito (per qualsiasi motivo) e durante i 9 mesi di gravidanza; questo è mascherato da un testo fraudolento che presumibilmente consente l’aborto solo fino a 14 settimane (il che sarebbe comunque orribile). Tuttavia, ogni donna potrà abortire dopo questo periodo invocando pericolo della sua “salute integrale”, un concetto così elastico che rachiude qualsiasi cosa. “La salute è un concetto integrale che ha tre dimensioni: fisica, mentale e sociale, secondo quanto stabilito dall’OMS”. “Il pericolo per la salute deve essere inteso come possibilità di danno alla salute. Non richiede l’accertamento di una malattia e, in questo senso, non dovrebbe essere richiesto che il pericolo sia di un’intensità specifica. Sarà sufficiente con il potenziale di effetti sulla salute per determinare l’impostazione come causa di non punibile con l’aborto. Il concetto di pericolo non richiede la configurazione del danno, ma piuttosto la sua possibile insorgenza “(Delibera 3158/2019, Ministero della Salute della Nazione)
  2. I politici argentini usano le donne povere e le ragazze violentate come pretesto per abortire, quando sono responsabili di aver portato milioni di persone nella povertà in quanto responsabili anche dell’aumento del tasso di criminalità. La verità, per il contrario, è che il potere politico è uno strumento docile di organizzazioni globaliste come l’FMI, la Banca Mondiale, l’OMS-ONU, tra gli altri. Non lo fanno per le ragazze violentate o per i poveri, lo fanno sotto la pressione – o la corruzione – delle organizzazioni internazionali. Questi politici hanno causato decenni fa un vero disordine sociale e morale in cui viviamo noi argentini, e ora portano la “ricetta” criminale per l’aborto.
  3. I leader argentini non lavorano per eliminare le differenze tra ricchi e poveri in termini di salute, istruzione, opportunità di lavoro e così via. Funziona solo per equiparare ricchi e poveri quando si tratta del crimine di aborto.
  4. Non importa che le prove scientifiche siano schiaccianti riguardo all’inizio della vita umana al momento del concepimento. A loro non importa che l’Accademia Nazionale di Medicina abbia dichiarato che “distruggere un embrione umano significa impedire la nascita di un essere umano”. I politici voltano le spalle alla realtà scientifica più basilare.
  5. L’ufficialismo e l’opposizione sono la stessa cosa: Alberto Fernández, Cristina Kirchner e le forze che hanno risposto a Mauricio Macri, insieme al Partito Radicale e all’estrema sinistra hanno notevoli coincidenze sull’aborto e altre questioni morali. Ciò di cui discutono sono solo minuzie amministrative: quando si tratta di adempiere ai mandati criminali globalisti, con poche eccezioni, agiscono come un blocco.
  6. Non importa che il codice civile argentino (art. 19) riconosca l’inizio della persona umana al momento del concepimento. Non importa che la Costituzione Nazionale (art. 75, inc. 22) includa trattati internazionali in cui la persona umana è riconosciuta sin dal concepimento. Non importa che l’Argentina abbia aderito al Patto di San José de Costa Rica nel 1984, che riconosce la persona sin dal suo concepimento. Non importa che nel 1990 l’Argentina abbia aderito alla Convenzione sui diritti dell’infanzia, che riconosce come bambino “ogni essere umano dal momento del concepimento fino ai 18 anni di età”. I politici corrono le spalle alle leggi scritte … da soli!
  7. Lo Stato argentino sta già forzando l’aborto per le donne a basso reddito, come affermato in una recente denuncia a cui si fa riferimento[1].
  8. La trappola principale in questo dibattito è accettarlo. Tenere il dibattito per il principio della “libertà di idee” è già una prima capitolazione morale. Noi argentini del bene non solo denunciamo il risultato di questa mezza sanzione, denunciamo -prima e soprattutto- l’esistenza stessa di questo falso dibattito; un dibattito altrimenti ineguale e disonesto, dal momento in cui si discute la condizione umana delle persone nonostante le clamorose prove scientifiche del contrario. L’aborto non si discute, si combatte.
  9. La legalizzazione dell’aborto porterà ad un aumento del tasso di aborto, come mostrano le statistiche in tutti i paesi in cui è stato approvato[2] . Si tenta di spruzzare questa pratica con le etichette di “diritti riproduttivi”, “salute pubblica” o “interruzione della gravidanza”, come operazioni di guerra linguistica. Sono finzioni del linguaggio che rendono invisibile solo il nascituro.
  10. I politici argentini hanno ripetutamente invocato l’argomento che “i paesi del primo mondo hanno legalizzato l’aborto”. Questo è un grossolano errore argomentativo: gli Stati Uniti sono emersi come superpotenza mondiale nel 1945 senza aver legalizzato l’aborto, che ha raggiunto alcuni dei suoi stati quasi 30 anni dopo. La Spagna negli anni ’70 era una delle prime dieci economie del mondo. Anche all’interno dei cosiddetti paesi del Primo Mondo ci sono differenze[3]: l’Alabama condanna tutti gli aborti; Georgia, Ohio, Kentucky, Mississippi e Louisiana condannano l’aborto dopo sei settimane, il che in pratica equivale a un divieto quasi totale. L’Arizona, l’Arkansas e la Carolina del Nord stanno facendo marcia indietro sulle politiche sull’aborto. Lo stesso North Dakota e D. del sud. Anche l’Indiana e il Texas si stanno ritirando. Missouri e Nebraska lo stesso. Al contrario, Stati come la California, Washington, New York e l’Oregon si stanno muovendo nella direzione dell’aborto. Ciò dimostra che non c’è correlazione tra l’essere un paese del “primo mondo” e la legalizzazione dell’aborto.
  11. Con questa legge, i leader dell’Argentina stanno compiendo un altro passo nella distruzione della popolazione di questo paese. È un vero genocidio, che configura lo Stato argentino come uno stato terrorista. Se i bambini possono essere smembrati, allora perché dovremmo essere interessati a proteggere altri tipi di diritti come la libertà, la proprietà? Oggi i bambini sono in balia delle donne perché lei è più forte, domani ogni persona debole sarà schiacciata dal forte. L’Argentina denuncia la legge con questa sanzione semicriminale.
  12. I politici argentini hanno accettato le bugie dei gruppi che praticano l’aborto, come la falsa cifra di mezzo milione di aborti all’anno. Già Nathanson[4] ha rivelato, molto tempo fa, come gli attivisti per l’aborto abbiano gonfiato il numero di aborti, così come il numero di donne uccise in aborti clandestini.
  13. Il ministro della Salute della Nazione, Ginés González García, è arrivato al punto di affermare che il nascituro era solo “un fenomeno”. E in un atto fallito, ha detto: “Non ci sono due vite qui come alcuni dicono (…) Se fosse così, ci troveremmo di fronte al più grande genocidio universale”.
  14. Infine, l’Argentina sta combattendo per la sua indipendenza davanti a un gruppo di uomini in giacca e cravatta che -dalle centrali elettriche dell’International Money Power- finanziano una banda di politici infidi in modo che sia la leadership del paese a mettere la corda intorno al collo della nazione, finendo la sovranità nazionale.
  15. La mezza sanzione di questo progetto e -se Dio lo permette- la sua futura approvazione configureranno una sconfitta politica e morale per l’Argentina, sacrificata dai suoi stessi capi all’Altare di Moloch, l’antica divinità demoniaca, che in suo onore i cananei offrirono bambini.
  16. Chiediamo agli amici di tutto il mondo di spargere la voce su ciò che sta accadendo in Argentina. Abbiamo bisogno di te: abbiamo bisogno che tu diventi agente moltiplicatore di questa notizia. La maggior parte dei nostri leader vuole legalizzare questo genocidio, fare negozi con i cadaveri dei feti abortiti e mettere in ginocchio il Paese davanti al Nuovo Ordine Mondiale. Possono compiere questa carneficina solo se disumanizzano il nascituro: ecco perché le ecografie sono il terrore degli abortisti. Amici dell’estero: per l’Argentina, per le famiglie argentine, aiutateci!
[1] Cfr. Denuncia di Faro Films: https://www.youtube.com/watch?v=2SCOBk3Et6I&ab_channel=FaroFilms (“El Exterminio Argentino”).
[2] Cfr. https://www.infobae.com/opinion/2020/12/03/las-siete-mentiras-capitales-del-gobierno-para-justificar-su-insistencia-en-legalizar-el-aborto/ (vedere menzogna N°2)
[3] Cfr. https://www.univision.com/noticias/salud/el-mapa-del-aborto-en-eeuu-estos-son-los-estados-que-mas-restringen-o-protegen-el-derecho-a-interrumpir-un-embarazo
[4] Cfr. https://www.lanacion.com.ar/opinion/el-grito-silencioso-del-aborto-nid1687935/; y https://www.aciprensa.com/recursos/bernard-nathanson-cuando-la-mano-de-dios-alcanzo-al-rey-del-aborto-65 . Il famoso video di Bernard Nathanson “The Silent Scream” può essere visto qui: https://www.youtube.com/watch?v=3jB06pkv17s

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *